Comunicazione Farmaceutica:
Il meccanismo emotivo della fiducia

PaPress Agenzia Comunicazione Logo
17 Dicembre 2021

Promuovere un’adeguata strategia di comunicazione farmaceutica sembra un’impresa impossibile? Che all’industria del pharma non sia concesso un piano efficace di marketing rimane un preconcetto. Tuttavia, è necessario sottolineare un aspetto: la sua posizione nel sistema e il suo ruolo nel meccanismo emotivo umano.

Le case farmaceutiche non devono solo gestire un flusso continuo di informazioni che riguardano gli aspetti più commerciali del prodotto, piuttosto devono tenere in alta considerazione le sue caratteristiche intrinseche, strettamente legate al meccanismo emotivo della fiducia e della credibilità nei pazienti, reali e potenziali.
Più di ogni altro, il settore farmaceutico si pone l’obiettivo di soddisfare un bisogno, probabilmente il più importante, di salute e benessere. È quindi di vitale importanza che il problema che sorge nel paziente trovi una risposta adeguata in un farmaco che non sia solo efficace dal punto di vista funzionale, ma che sia avvalorato da una serie di prove a suo sostegno, che sia protetto da testimonianze affidabili, che non sia contagiato da marketing puro e spietato.

La farmacoeconomia è argomento sempre più cruciale nella gestione aziendale e promuove un linguaggio asettico, basato su cifre e sostenibilità dei costi. La comunicazione farmaceutica è di per sé un campo minato, fatto di approvazioni, norme, regolatorie e vincoli che ne determinano lo spazio vitale. Districarsi in questo labirinto è già piuttosto complesso sul piano programmatico. Ma ancora più complicato è coniugare questo aspetto a quello psicologico-comportamentale di un consumatore che non sta scegliendo di acquistare un pacco di caramelle, ma che sta valutando il rapporto affidabilità-benefici di un prodotto medico e, in senso ampio, di un’intera impalcatura che rappresenta a monte il prodotto stesso.

comunicazione_farmaceutica

Ma qual è l’approccio giusto per una corretta comunicazione farmaceutica?

Le informazioni medico-sanitarie «devono convincere educando». Questo è il presupposto di un’efficace strategia.
I processi comunicativi che regolano l’industria farmaceutica si fondano sui pilastri principali della correttezza dell’informazione e sulla sua valenza scientifica.
Ma non basta.
Sono due i nuovi imperativi: sinergia, che traduce la nuova esigenza dal sapore tutto digitale di coniugare l’aspetto della comunicazione virtuale a quella face-to-face, ed empatia, declinata nelle diverse relazioni informatore-medico, medico-paziente e prodotto farmaceutico-cliente.

L’informatore incarna l’alleanza virtuosa che viene stipulata tra l’azienda farmaceutica e il messaggio scientifico da veicolare al medico. È importante che, come professionista, l’informatore sappia comprendere le esigenze stesse del medico e che sappia modulare il contenuto dell’informazione in modo chiaro e concreto, ripristinando l’autenticità e la serietà della comunicazione scientifica da un canto e interpretando il punto di vista e l’atteggiamento emotivo del clinico dall’altro.

Dunque, l’informazione scientifica, che per natura rappresenta il principale nutrimento della classe medica, viene trasmessa al medico stesso e ridefinita in chiave emozionale, ponendo al centro il cliente-paziente e conferendo il giusto valore al rapporto umano senza trascurare i paradigmi etici. Non si fanno sconti: la veridicità scientifica non può prescindere dal contatto tra persone. La modalità di comunicazione viene ridisegnata sulla base dei concetti della vendita emotiva e dei presupposti della programmazione neurolinguistica.

Il bisogno di fiducia e di credibilità comporta una profonda evoluzione della comunicazione scientifica, uno spostamento dal prodotto farmaceutico ai bisogni dell’interlocutore e uno slittamento dal prodotto stesso alla patologia. Ecco come l’informazione, la consapevolezza e il coinvolgimento attivo rappresentano ciò che nel linguaggio medico viene definito come valore terapeutico aggiunto.

Articoli recenti

Come nasce un nuovo prodotto?

 Come nasce un nuovo prodotto?"Mancava ora la ricetta giusta per la limonata più gustosa del quartiere. Un po’ di zucchero, acqua, succo di limone, il nostro ingrediente segreto ed il gioco era fatto".La nascita di un prodotto è un momento estremamente complesso e...

Bonus Pubblicità 2021: posticipato al 10 gennaio l’invio della dichiarazione sostitutiva

Bonus Pubblicità 2021:posticipato al 10 gennaiol’invio della dichiarazione sostitutivaA causa di un aggiornamento della piattaforma telematica, i termini per confermare la prenotazione del bonus pubblicità 2021 per i soggetti che hanno compilato e presentato la...

I vantaggi del co-marketing

I vantaggi delco-marketing“I limoni da salvare erano veramente troppi, non ce l’avrei mai fattada sola! Così ho chiesto aiuto al mio fratellino e gli ho raccontato della mia nuova idea”.L’unione fa la forza. E mai considerazione è più esatta di questa nel panorama del...

Come una risorsa diventa prodotto

Come una risorsa diventa prodotto“Nel mio giardino c’è un bellissimo albero pieno di limoni.Ce ne sono così tanti che se non mi faccio venire un’idea per usarli andranno tutti sprecati. E se mettessi su un bel chiosco di limonata fresca nel quartiere?E poi, perché no,...

Oggetti e rimedi curiosi dell’Antica Arte Sanitaria: La Porta Magica

In Piazza Vittorio Emanuele sorgeva la Villa del Marchese Massimiliano Palombara, uomo colto e dedito all’esoterismo. I fatti storici della Villa si intrecciano alla leggenda legata all’unica porta superstite tra le cinque originariamente collocate sul muro di cinta, denominata Porta Magica, anche conosciuta come Porta Alchemica.

Se scrivo in grassetto, mi leggi di più?

Se scrivo in grassetto, mi leggi di più?Si sa, scrivere non è mai semplice e scrivere sul web è ancora più complesso.La nostra soglia di attenzione è fissata a 8 secondi, tempo assolutamente sufficiente per abbattere circa 90 alberi della foresta amazzonica, ma non...

Ti è piaciuto questo articolo?

Parliamone!

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *