Bonus Pubblicità 2021:
posticipato al 10 gennaio
l’invio della dichiarazione sostitutiva

PaPress Agenzia Comunicazione Logo
10 Gennaio 2022

A causa di un aggiornamento della piattaforma telematica, i termini per confermare la prenotazione del bonus pubblicità 2021 per i soggetti che hanno compilato e presentato la richiesta dal 1° al 31 ottobre 2021 sono stati prorogati a partire dal 10 gennaio fino al 10 febbraio 2022 (anziché dal 1° al 31 gennaio 2022).

Il periodo di presentazione della dichiarazione sostitutiva relativa agli investimenti pubblicitari realizzati nel 2021 è stato posticipato al 10 gennaio 2022. Resta invariata la modalità di trasmissione tramite l’area riservata dei servizi telematici della Agenzia delle Entrate accessibile tramite SPID, Entratel e Fisconline o Carta Nazionale dei Servizi (CNS), nella sezione specifica del Dipartimento per l’Informazione e l’Editoria. Sulla base delle richieste ricevute, viene stilato un elenco dei beneficiari che possono fruire del credito d’imposta.

Ma ricapitoliamo i requisiti fondamentali per poter avere accesso al bonus pubblicità.

Bonus pubblicità: cos’è e come richiederlo?

Dal 1° al 31 ottobre 2021 è stato possibile presentare la richiesta per il bonus pubblicità, un’agevolazione sottoforma di credito d’imposta riservata alle imprese e ai lavori autonomi che intendono investire in campagne pubblicitarie per l’anno 2021/2022 su emittenti televisive e radiofoniche e su stampa periodica e quotidiana, digitale e analogica.

Il termine di presentazione delle domande, inizialmente previsto tra il 1° e il 30 settembre 2021, è stato modificato e prorogato in via del tutto eccezionale dal 1° al 31 ottobre 2021, in modo tale da consentire gli aggiornamenti della piattaforma telematica che ne gestisce le richieste. Restano comunque valide le comunicazioni già trasmesse nel periodo compreso tra il 1° e il 31 marzo 2021.

comunicazione_farmaceutica

Inizialmente, come da decreto legge n.50/2017, il bonus pubblicità nasce in favore delle imprese e degli autonomi che effettuano investimenti in campagne pubblicitarie il cui valore superi almeno l’1% degli analoghi investimenti relativi all’anno precedente. In questo caso, il contributo è pari ad un credito di imposta del 75% del valore degli investimenti messi in atto, elevato al 90% in caso di start up, microimprese e piccole e medie imprese.

Tuttavia, nella proroga del 2021/2022, il bonus pubblicità ha subito modifiche sostanziali rispetto agli anni precedenti.
Il beneficio infatti è rivolto a imprese, società sportive dilettantistiche, enti del terzo settore non commerciali e lavoratori autonomi con domicilio fiscale in Italia, anche se in una qualsiasi delle seguenti condizioni:

  • Hanno avviato la propria attività nell’anno corrente;
  • Hanno effettuato investimenti uguali o minori rispetto all’anno precedente;
  • Non hanno effettuato alcun investimento nell’anno precedente.

Il bonus pubblicità viene erogato nella misura unica del 50% del valore degli investimenti pubblicitari, anche se il credito d’imposta effettivo dipende dal numero di richieste ricevute e dalla disponibilità concreta del fondo. Si tratta comunque di un contributo che non supera i 50 milioni di euro per i mezzi pubblicitari di stampa, analogici e digitali, e i 25 milioni di euro per i canali radiofonici e televisivi.
In ogni caso, le testate giornalistiche e le emittenti devono essere registrate presso il Tribunale e il ROC.

Questo aspetto è importante per coloro che vogliono intraprendere un’attività promozionale online poiché i siti e i portali che non hanno un direttore responsabile o che non sono iscritti presso gli enti competenti sopracitati non hanno diritto al sostegno delle spese pubblicitarie.

Restano esclusi dal credito d’imposta:

  • Volantini periodici in forma cartacea;
  • Cartellonistica o pubblicità su vetture;
  • Pubblicità tramite piattaforme social;
  • Spot promozionali su schermi nelle sale cinematografiche;
  • Pubblicità su affissioni.

Come è stata trasmessa la richiesta?

Le imprese e i liberi professionisti idonei ad accedere al bonus pubblicità hanno dovuto presentare una comunicazione telematica e trasmetterla attraverso l’area riservata dei servizi online dell’Agenzia delle Entrate, accessibile tramite SPID, Entratel e Fisconline o Carta Nazionale dei Servizi (CNS), nella sezione specifica del Dipartimento per l’Informazione e l’Editoria.

Come si utilizza il bonus pubblicità?

Il credito di imposta è utilizzabile unicamente in compensazione, mediante delega al modulo F24, da trasmettere esclusivamente attraverso i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate a partire dal quinto giorno lavorativo successivo alla pubblicazione dell’elenco definitivo dei soggetti aventi diritto al bonus pubblicità.

 

Sei curioso di sapere qual è la strategia migliore per promuovere la tua azienda? Visita il nostro sito www.papress.it per saperne di più.

Articoli recenti

Come nasce un nuovo prodotto?

 Come nasce un nuovo prodotto?"Mancava ora la ricetta giusta per la limonata più gustosa del quartiere. Un po’ di zucchero, acqua, succo di limone, il nostro ingrediente segreto ed il gioco era fatto".La nascita di un prodotto è un momento estremamente complesso e...

I vantaggi del co-marketing

I vantaggi delco-marketing“I limoni da salvare erano veramente troppi, non ce l’avrei mai fattada sola! Così ho chiesto aiuto al mio fratellino e gli ho raccontato della mia nuova idea”.L’unione fa la forza. E mai considerazione è più esatta di questa nel panorama del...

Comunicazione Farmaceutica – Il meccanismo emotivo della fiducia

Comunicazione Farmaceutica:Il meccanismo emotivo della fiduciaPromuovere un’adeguata strategia di comunicazione farmaceutica sembra un’impresa impossibile? Che all’industria del pharma non sia concesso un piano efficace di marketing rimane un preconcetto. Tuttavia, è...

Come una risorsa diventa prodotto

Come una risorsa diventa prodotto“Nel mio giardino c’è un bellissimo albero pieno di limoni.Ce ne sono così tanti che se non mi faccio venire un’idea per usarli andranno tutti sprecati. E se mettessi su un bel chiosco di limonata fresca nel quartiere?E poi, perché no,...

Oggetti e rimedi curiosi dell’Antica Arte Sanitaria: La Porta Magica

In Piazza Vittorio Emanuele sorgeva la Villa del Marchese Massimiliano Palombara, uomo colto e dedito all’esoterismo. I fatti storici della Villa si intrecciano alla leggenda legata all’unica porta superstite tra le cinque originariamente collocate sul muro di cinta, denominata Porta Magica, anche conosciuta come Porta Alchemica.

Se scrivo in grassetto, mi leggi di più?

Se scrivo in grassetto, mi leggi di più?Si sa, scrivere non è mai semplice e scrivere sul web è ancora più complesso.La nostra soglia di attenzione è fissata a 8 secondi, tempo assolutamente sufficiente per abbattere circa 90 alberi della foresta amazzonica, ma non...

Ti è piaciuto questo articolo?

Parliamone!

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *